NEWS DEL 9 febbraio 2016

Enzo Panzeri e Jackie: come nasce una lampada da premio

Per chi ha la sensibilità di un designer, a volte l’idea arriva in un attimo, come un lampo di luce che ti colpisce, illumina la mente e fissa subito i punti fondamentali di quel pensiero, quelli più importanti.

E’ quello che è successo a Enzo Panzeri: mentre cercava ispirazione tra diverse fonti, è stato colpito da alcuni particolari.

Oggi è difficile inventare qualcosa di veramente nuovo,” dice Enzo Panzeri “perciò diventano determinanti la sensibilità estetica e tecnica, l’attenta osservazione e la capacità di cogliere anche solo un piccolo dettaglio che possa essere migliorato e rivisto in una diversa chiave di lettura”.

Da quel preciso momento d’ispirazione, non sono passati più di cinque minuti per avere già un veloce schizzo su carta di un nuovo progetto, quello che sarebbe diventato poi ‘Jackie by Panzeri’.

L’idea che ha portato ad una lampada di grande successo, è subito sembrata lo specchio del suo disegnatore: “Un prodotto concreto, armonico ed essenziale, senza sovrastrutture superflue” dice lo stesso Enzo.

Ma per concretizzare quel disegno di carta in opera finita, all’intuito del professionista del design si è aggiunta poi anche la passione di un sapiente artigiano attrezzista di Omegna, fornitore che collabora da anni con Panzeri. Si tratta di un esempio di come, nelle micro imprese, il legame con i fornitori vada al di là del semplice rapporto commerciale. Dall’affinità intellettuale, e la condivisione delle stesse passioni, può nascere una vera e propria collaborazione anche nella stessa progettazione di nuovi prodotti.

Lo scambio di idee tra Enzo Panzeri e il suo speciale fornitore è stato uno dei valori aggiunti del progetto Jackie. Ha infatti permesso di smussare gli spigoli, modellare la creatura che si stava formando e far fare al progetto quei passi avanti verso il prodotto finale: concreto, semplice e, allo stesso tempo, di grande appeal.

Dai disegni sulla carta, si è passati così alle sezioni al laser, ai complessi stampi e ai campioni, per arrivare in circa sei mesi al primo prototipo.

E’ nata così la star del 2015 della collezione Panzeri. Ora Enzo prepara le valige, lo aspettano le cerimonie di premiazione: il 12 febbraio 2016, prenderà la strada di Francoforte per ritirare il German Design Award, poi sarà la volta di Chicago, dove lo aspettano per il Good Design Award.