Hospitality

Hotel Weinegg

L’Hotel Weinegg sorge a Cornaiano, un piccolo paese a venti chilometri da Bolzano, capoluogo Italiano del Trentino Alto Adige al confine con l’Austria.

Hotel completamente immerso tra i vigneti ai piedi delle Alpi, è una location a cinque stelle con suite di lusso, centro benessere e ristorante gourmet. La clientela internazionale arriva fin qui alla ricerca di un’esperienza indimenticabile, relax, buon cibo, ma soprattutto per assaggiare il vino pregiato che questo territorio offre da secoli.

Proprio la necessità di dare ampio spazio alle degustazioni, alle occasioni speciali e alle più formali cene aziendali, ha portato i proprietari, Erika e Bruno Moser, a scegliere di creare una nuova sala che potesse raccogliere un numero decisamente elevato di persone, mantenendo però intatta l’eleganza del luogo.

La progettazione della nuova sala è stata affidata allo Studio Pederiva di Bolzano, mentre la progettazione illuminotecnica alla Led-Tec di Cornaiano. Il progetto dell’illuminazione era molto meno semplice di quel che poteva sembrare all’inizio e i light-designer si sono rivolti a Panzeri.

L’esigenza fondamentale per il committente era quella di poter modificare l’altezza delle lampade con meccanismi di sali scendi completamente nascosti al di sopra del controsoffitto. Le sospensioni avrebbero attraversato i pannelli e le lampade sarebbero state alzate o abbassate sui tavoli in base alle necessità. Grazie a una meccanica sviluppata dall’Ufficio Tecnico dell’azienda LED-TEC, il desiderio dei proprietari è stato sodisfatto a pieno.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Mentre l’aspetto estetico era ancora un enigma. L’arredo selezionato dagli Interior Designers era completamente in legno con finiture dai toni marroni tabacco. Dopo una breve analisi delle ampie gamme di prodotti offerti dall’azienda brianzola, la scelta è ricaduta ovviamente su Emma & Clio e i loro vetri ambrati. Anche l’affinità estetica del vetro soffiato con la tradizionale bottiglia di vino, era una qualità che ha fatto innamorare la committente e che ha fatto di questo prodotto la soluzione per eccellenza.

Le isole luminose create sono quindi 16, come il numero dei tavoli, per un totale di 32 lampade sospese. Ogni isola è regolabile autonomamente grazie a una App per mobile o tablet che permette di accendere e spegnere ogni singola isola e di regolarne l’altezza. Sempre attraverso la App è possibile programmare degli scenari luminosi adatti alle specifiche esigenze della sala, potendo programmare sia le accensioni che il movimento degli apparecchi. Ecco che si può scegliere di avere tutte le lampade accese e abbassate sui tavoli prima della cena, di alzare solo quelle vicino alla vetrata che dà sul giardino dove ci sono i tavoli migliori o di alzarle tutte quando la sala è piena di ospiti. Oppure a fine serata o durante il giorno quando la sala è completamente illuminata dal sole, è possibile programmare uno scenario che prevede contemporaneamente sia lo spegnimento automatico di tutte le lampade, che la discesa delle stesse sui tavoli. Una scenografia che accentua l’aspetto fortemente scultoreo dei plafoni in vetro soffiato di Emma e Clio che diventano così un vero complemento d’arredo.

L’ampliamento si è concluso nel 2016, in tempo per accogliere gli ospiti durante le festività di Pasqua. Un progetto sofisticato che ha visto il servizio e l’assistenza di Panzeri un elemento fondamentale per il successo della location, sia in termini di tecnologia, che di contenuto estetico della realizzazione.

Lighting Design: LED-TEC

Architetto: Studio Pederiva di Bolzano

Prodotti: Emma, Clio.